Dal 1 settembre 2012 potete trovare tutte le informazioni utili per la Vostra gestione aziendale qui.
Search
 

Cosa deve contenere una fattura rilasciata?


Se digitate il termine ˝fattura˝ su Google, l'onnisciente fenomeno di Internet vi dira' che si tratta di un documento dimostrante che un certo tipo di lavoro è stato compiuto, cioè, un documento rilasciato da un venditore ai suoi acquirenti per merci consegnate o servizi resi.
 

La legge sull'IVA classifica ogni documento in cui il contribuente (o la persona da egli autorizzata) calcola le cessioni di beni e le prestazioni di servizi come ˝una fattura ˝, senza badare a che cosa sia riferito il documento nelle transazioni commerciali.
 

Quali informazioni deve contenere una fattura rilasciata?
 

Secondo la già citata Legge sull'IVA, queste sono le informazioni necessarie:


1. Luogo di rilascio, numero della fattura e la data di rilascio,


2. Nome, indirizzo e codice fiscale dell'imprenditore che consegna le merci o i servizi (venditore),


3. Nome, indirizzo e codice fiscale della persona a cui le merci o i servizi sono stati consegnati (acquirente),


4. L'importo e la comune denominazione commerciale delle merci e dei servizi forniti,


5. Data di consegna delle merci, cioè di resa dei servizi,


6. L'importo della tassa (prezzo) delle merci consegnate o dei servizi resi, suddiviso per singole aliquote fiscali,


7. L'importo fiscale, suddiviso per singole aliquote fiscali,


8. L'importo cumulativo delle tasse e delle imposte.


Riteniamo importante sottolineare alcuni fatti interessanti relativi al rilascio delle fatture:


• Se qualcuno rilascia una fattura con l'IVA separatamente specificata e non si trova nel sistema  dell'IVA, tale persona e' debitrice d'IVA allo stato, senza considerare il fatto che essa non e' contribuente della stessa. Dall'altro lato, l'acquirente (destinatario della fattura) NON DEVE usare la pre-imposta sulla base di una tale fattura;


• Se qualcuno specifica un'IVA superiore a quella della quale egli e' debitore per legge su una fattura rilasciata, allora egli e' debitore allo stato di questo importo aumentato. D'altra parte, l'acquirente (beneficiario) può utilizzare solo un importo fiscale ˝matematicamente corretto˝. Al fine di correggere la fattura che è stata rilasciata incorrettamente, e' prevista una procedura speciale.


Le fatture per operazioni in contanti, in relazione alle fatture sopra descritte, comprendono:


1. Il numero della fattura e la data di rilascio (senza il luogo)


2. Lo stesso del punto 2 di cui sopra descritto, con riferimento al luogo in cui la consegna e' avvenuta (ad esempio; un negozio)


3. Lo stesso del punto 4 di cui sopra descritto


4. L'importo complessivo delle tasse e delle imposte, suddiviso per singole aliquote d'imposta (quindi, non è necessario dimostrare la base imponibile d'IVA dall'IVA calcolata separatamente).


Inoltre, è necessario sapere che la Legge delle Imprese commerciali prescrive informazioni necessarie che devono essere contenute in ogni documento di una società, come pure in ogni fattura: nome dell'azienda, sede, corte in cui la società è stata iscritta nel registro della Corte e il numero di registrazione, azienda e sede delle persone giuridiche dove si trovano le fatture e i numeri delle fatture. Lo stesso vale per i contenuti del sito internet della società.
 

Oltre a cio', anche le seguenti informazioni devono essere indicate nei documenti aziendali e sul sito internet della società:


1. L'importo del capitale azionario della società, indicando ulteriormenete se esso è stato pagato interamente. Se esso non è stato pagato per intero, si deve indicare la parte che  non è stata versata,


2. Il numero complessivo delle azioni emesse, e, se una società emana azioni con un importo nominale, se questi importi sono documenti aziendali di una società a responsabilità limitata,


3. Cognomi e almeno un nome dei membri del consiglio di amministrazione aziendale, dei membri del consiglio di amministrazione delle società a responsabilità limitata, cioè degli amministratori esecutivi e del presidente della vigilanza, cioe' del Consiglio di Amministrazione.
 

Pubblicato il 2 febbraio 2012


<< indietro
 

 

  All rights reserved B.D.M. 2010